LA STORIA DELLA FESTA DELLA MAMMA


La maternità è stata celebrata fin dai tempi antichi, ma per quanto riguarda il nostro Paese la prima volta in cui le mamme sono state festeggiate è il 24 dicembre 1933, giorno in cui si svolse La Giornata nazionale della Madre e del Fanciullo: fu un evento unico, non più ripetuto negli anni successivi, nel quale furono premiate le madri più prolifiche, come voleva la politica della famiglia propugnata dal governo fascista e quindi in uno spirito molto differente dal significato che ha la Festa della Mamma di oggi. Nel 1956, il senatore Raul Zaccari, sindaco di Bordighera, "inventò" una festa della mamma nella sua città e, due anni dopo, presentò al Senato della Repubblica un disegno di legge per ottenerne l'istituzione nazionale. Dopo qualche mese di dibattito la festa fu creata ufficialmente: dapprima si celebrava l’8 maggio, ma dal 2000 è stata spostata alla seconda domenica di quel mese. La ricorrenza ha anche radici religiose: nel 1957, il parroco di Tordibetto di Assisi, don Otello Migliosi, ebbe l'idea di celebrare la mamma non solo nella sua veste sociale o biologica, ma soprattutto nel suo intenso valore religioso.

Comunque la si voglia intendere, oggi la Festa della Mamma, oltre ad essere il giorno in cui rivolgere un pensiero e un gesto di amore alla persona che ci messi al mondo, è un momento in cui riflettere sul significato di questa figura fondamentale nella vita di ciascuno di noi e in generale sul ruolo della maternità in tutti i suoi aspetti.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti